sabato 18 dicembre 2010

Popol Vuh


Are utzijoxik wa'e
k'ak atz'ininoq,
k'akachamamoq,
katz'inonik,
k'akasilanik,
k'akalolinik,
katolona puch upa kaj.

Questo è l'inizio del mito della creazione, riportato secondo lo spelling  moderno, che tradotto suona così:

"Questo è il racconto di come
tutto era sospeso,
tutto calmo,
in silenzio;
tutto immobile,
tranquillo,
e la distesa del cielo era vuota."


Di che cosa stiamo parlando…?
Di Popol Vuh. La sacra Bibbia dei Maya.
 Il Popol Vuh ("Libro della comunità"; Popol Wuj nella moderna trascrizione Quiché) è una raccolta di miti e leggende dei vari gruppi etnici che abitarono la terra Quiché (K'iche'), uno dei regni maya in Guatemala.

Il testo non è così semplice da trovare, e per questo riporto qui la prima parte.  Buona lettura….!!

 


Parte 1 
Capitolo 1 
Questo è il racconto di come tutto era in sospeso, tutto calmo, in silenzio, tutti immobili, ancora, e la distesa del cielo era vuota. 
Questo è il primo racconto, la narrazione in prima. Non vi era né uomo, né animale, uccelli, pesci, granchi, alberi, pietre, grotte, anfratti, erbe, né foreste, c'era solo il cielo.
La superficie della terra, non era apparsa. C'era solo il mare calmo e la grande distesa del cielo. 
Non c'era nulla, nulla che possa fare rumore, né nulla che possa spostare, o tremare, o potrebbe far rumore nel cielo. 
Non c'era niente in piedi, solo l'acqua calma, il mare placido, solo e tranquillo. Non esisteva nulla. 
C'era solo l'immobilità e il silenzio, nel buio, nella notte. Solo il Creatore, il Creatore, Tepeu, Gucumatz, i padri, * erano in acqua, circondata di luce .** Erano nascosti sotto le piume verdi e blu, e sono stati quindi chiamati Gucumatz. La natura di questi sono stati i grandi saggi e grandi pensatori. In questo modo il cielo esisteva.
(* Alom, letteralmente, coloro che concepirà e partorirà, e Qaholom, quelli che generano i bambini. Al fine di seguire la concisione del testo qui i due termini si traducono come gli antenati. 
** Erano in acqua perché al Quiché è associato il nome di Gucumatz con l'elemento liquido. Vescovo nuniez de la Vega racconta che Gucumatz è un serpente con le piume, che si muove in acqua. Il Manoscritto Cakchiquel narra che uno dei popoli primitivi, che migrarono in Guatemala è stato chiamato Gucumatz, perché la loro salvezza era in acqua. )
Il cielo, che è il nome di Dio e così è chiamato. 
Poi venne la parola. Tepeu e Gucumatz si sono riuniti nel buio, nella notte, e Tepeu e Gucumatz hanno parlato insieme. Parlavano insieme, discutevano e deliberavano, hanno convenuto, hanno unito le loro parole ei loro pensieri. 
Poi mentre meditavano, divenne chiaro per loro che, quando l'alba si spezzasse, l'uomo deve apparire. Dopo prevista la creazione, la crescita degli alberi e le macchie e la nascita della vita e della creazione dell'uomo. Così è stato organizzato nel buio e nella notte dal cuore del cielo che si chiama Huracán. 
Il primo si chiama Caculhá Huracán. La seconda è ChipiCaculhá. La terza è Raxa-Caculhá. E questi tre sono i cuori del cielo. 
Poi Tepeu e Gucumatz si sono riuniti, dopo aver conferito sulla vita e la luce, cosa avrebbero fatto in modo che non ci sarebbe la luce e l'alba, che sarebbe stato chi avrebbe fornire cibo e sostentamento. 
Così sia fatto! Lasciare che il vuoto da riempire! Lasciate le acque si ritirano e creano un vuoto, che le terre appaiono e diventano solide, sia fatto. Così parlavano. Sia la luce, non vi è l'alba nel cielo e sulla terra! Non ci sono né gloria né grandezza nella nostra creazione e formazione fino a quando l'essere umano non è fatto, l'uomo non è formato. Così parlò. 
Allora la terra è stato creata da loro. Così è stato, in verità, che hanno creato la terra. Terra! hanno detto, e subito è stato fatto. 
Come la nebbia, come una nuvola, e come una nuvola di polvere è stata la creazione, quando le montagne appaiono dall'acqua, e immediatamente la montagna è cresciuta. 
Solo per un miracolo, solo per arte magica erano i monti e le valli formate, e subito i boschetti di cipressi e pini mettere spara fuori insieme sulla superficie della terra. 
E così Gucumatz è stato riempito di gioia ed esclamò: "La tua venuta è stata fruttuosa, cuore del cielo, e voi, Huracán, e voi, Chipi-Caculhá, Raxa-Caculhá!" 
"Il nostro lavoro, la nostra creazione è finita", hanno risposto. 
In primo luogo si è formata la terra, le montagne e le valli, le correnti d'acqua sono stati divisi, i rivoli correvano liberamente tra le colline, e l'acqua era separata quando le alte montagne apparserò. 
Così fu creata la terra, quando è stato formato il Cuore della Terra dal Cuore del Cielo,  come vengono chiamate che per primo ha reso feconda, quando il cielo era in sospeso, e la terra è stata sommersa in acqua. 
Fu così che hanno reso perfetto il lavoro, quando lo hanno fatto dopo aver pensato e meditato su di essa.


Capitolo 2 
Poi hanno fatto i piccoli animali selvatici, i guardiani del bosco, gli spiriti delle montagne, i cervi, gli uccelli, puma, giaguari, serpenti, serpenti, vipere, custodi della boscaglia. 
E gli antenati hanno chiesto: "vi sarà solo il silenzio e la calma sotto gli alberi, sotto le viti? E 'bene che qui di seguito ci sia qualcuno che li custodisca". 
Così hanno detto, dopo aver meditato e discusso. Prontamente i cervi e gli uccelli sono stati creati. Immediatamente hanno dato le case per i cervi e gli uccelli. "Voi, cervi, dormirete nei campi dalla riva del fiume e negli anfratti. Qui è tra i cespugli, tra i pascoli, i boschi che si moltiplicano, si deve camminare su quattro piedi che ti darà sostegno. in tal modo si faccia! " Così hanno parlato. 
Poi hanno anche assegnato case per gli uccelli grandi e piccoli. "Si deve vivere sugli alberi e le viti. Qui ci si deve rendere il vostro nido, qui ci si deve moltiplicare, qui ci si deve aumentare i rami degli alberi e le viti." Così è stato detto al cervo e gli uccelli, ed essi hanno fatto il loro dovere in una sola volta, in tutte le parti le loro case e i loro nidi. 
La creazione di tutti i quadrupedi e gli uccelli è finita, è stato detto dal Creatore e il Creatore e gli antenati: "Parlerano, piangerano, gorgheggierano, si chiamerano,  tra di loro in base alle proprie varietà, ciascuna, a seconda il tuo tipo. " Così è stato detto agli cervi, agli uccelli, agli puma, agli giaguari e agli serpenti. 
"Parla, poi, i nostri nomi, ci lodano, tua madre, tuo padre. Richiama quindi, Huracán, Chipi-Caculhá, Raxa-Caculhá, il cuore del cielo, il Cuore della Terra, il Creatore, il Creatore, gli antenati; parlare , invocano a noi, noi adoriamo ", che veniva loro detto. 
Ma non potevano farli parlare come gli uomini, ma solo fischiato e urlato e strillavano, non erano in grado di rendere le parole, e ciascuno gridava in modo diverso. 
Quando il Creatore e il Creatore vide che era impossibile per loro di parlare gli uni agli altri, hanno detto: "E 'impossibile per loro a dire i nostri nomi, i nomi di noi, i loro creatori e Makers. Questo non è bene", ha detto gli antenati gli uni agli altri. 
Poi disse loro: "Perché non è stato possibile per voi a parlare, si deve essere cambiato. Abbiamo cambiato la nostra mente: il cibo, il pascolo, le vostre case, e la tua nidi si deve avere, perché saranno i burroni e il bosco, perché non è stato possibile per voi ad adorare noi o invocare noi. Ci sono quelli che adorano noi, faremo altri [esseri], che devono essere obbedienti. Accetta il tuo destino: la tua carne deve essere fatto a pezzi . Così sarà. Questa è la tua sorte ". Così hanno detto, quando hanno fatto conoscere la loro volontà di animali grandi e piccoli, che sono sulla faccia della terra. 
Hanno voluto dare loro un altro studio, che ha voluto fare un altro tentativo, che ha voluto fare [tutte le cose viventi] li adoro. 
Ma non riusciva a capire l'altro discorso, si potrebbe riuscire in nulla, e non poteva fare niente. Per questo motivo sono stati sacrificati, e gli animali che sono sulla terra sono stati condannati a essere ucciso e mangiato. 
Per questo motivo un altro tentativo doveva essere fatto per creare e rendere gli uomini dal Creatore, il Creatore, e gli antenati. 
"Proviamo ancora una volta! Già l'alba si avvicina: Facciamo a chi deve nutrire e sostenere noi! Che cosa dobbiamo fare per essere richiamato, al fine di essere ricordato sulla terra? Abbiamo già provato con le nostre prime creazioni, le nostre prime creature , ma non siamo riusciti a rendere lode e di venerare noi. Allora, cerchiamo di fare obbediente, rispettoso degli esseri che si nutrono e ci sostenga ". Così parlavano. 
Poi è stata la creazione e la formazione. Di terra, di fango, hanno fatto [uomo] carne. Ma visto che non era buono. E 'squagliata, era morbida, non si muoveva, non aveva forza, cadeva giù, era molle, non poteva muovere la testa, la sua faccia è sceso da un lato, la sua vista era sfocata, non si poteva guardare dietro. In un primo momento si parlava, ma non aveva la mente. Velocemente messo a bagno in acqua e non poteva stare. 
E il Creatore e il Creatore disse: "Proviamo ancora una volta perché le nostre creature non saranno in grado di camminare, né si moltiplicano. Consideriamo questo", hanno detto.
Poi si sciolse e distrutto il loro lavoro e la loro creazione. E dissero: "Che cosa dobbiamo fare per perfezionarla, in modo che i nostri fedeli, i nostri invokers, sarà successo?" 
Così parlavano quando conferite ancora: "Diciamo ancora una volta a Xpiyacoc, Xmucané, Hunahpu-Vuch, Hunahpu-Utiú: 'Gettate la partita di nuovo. Provate a creare di nuovo.' "In questo modo il Creatore e il Creatore ha parlato di Xpiyacoc e Xmucané. 
Poi hanno parlato a quelli indovini, la nonna del giorno, la nonna del Dawn, come venivano chiamati dal Creatore e il Creatore, ei cui nomi sono stati Xpiyacoc e Xmucané. 
E disse Huracán, Tepeu, e Gucumatz quando parlavano l'indovino, il Creatore, che sono gli indovini: "È necessario lavorare insieme e trovare i mezzi in modo che l'uomo, che faremo, l'uomo, che ci accingiamo a fare , si nutrono e ci sostenga, invocare e ricordati di noi ". 
"Invio, quindi, in Consiglio, nonna, nonno, nonna, nostro nonno, Xpiyacoc, Xmucané, far luce, rendono l'alba, ci hanno richiamato, ci hanno adorato, ci hanno ricordato da uomo creato, dal fatto uomo, da uomo mortale . Così si faccia. 
"Lasciate che la vostra natura da conoscere, Hunahpu-Vuch, Hunahpu-Utiú, due volte la madre, due volte padre, Nim-Ac, Nima-Tziís, il padrone di smeraldi, del lavoratore in gioielli, lo scultore, lo scalco, il creatore di bellissime tavole , il creatore di zucche verdi, il comandante della resina, il maestro Toltecat, * nonna del sole, la nonna di Dawn, in quanto sarete chiamati dai nostri lavori e le nostre creature. 
(* Ecco il testo sembra enumerare le occupazioni abituali degli uomini di quel tempo. L'autore invita ahqual, che è evidentemente quello che scolpisce smeraldi o pietre verdi; ahyamanic, il gioielliere o argentiere; ahchut, incisore e scultore; ahtzalam, carver o ebanista; ahraxalac, colui che le mode targhe verdi o bello, ahraxazel, ha che rende i vasi bella verde o zucche (chiamato Xicalli in nahuatl,) - Raxa la parola ha due significati; ahgol, colui che fa la resina o copale e, infine, ahtoltecat, colui che, senza dubbio, è stato l'orafo. Il Tolteca sono stati, infatti, argentieri qualificati che, secondo la leggenda, hanno insegnato l'arte di Quetzalcoatl stesso.) 
"Gettate la partita con il tuo chicchi di mais e il tzité .** Non così, e sapremo se vogliamo fare, o scolpire la bocca e gli occhi di legno." In tal modo gli indovini avevano detto. 
(** Erythrina corallodendron. Tzité, arbol de Pito in Guatemala; Tzompanquahuitl in lingua messicana. È usato in entrambi i paesi a fare recinzioni. Il suo frutto è un baccello che contiene grani rossi a forma di fagiolo, che gli indiani utilizzati, e sono tuttora, insieme con i chicchi di mais, nelle loro predizioni e la stregoneria. Nel suo contra Informe Idolorum Cultores, Sánchez de Aguilar ha detto che gli indiani Maya "a sorte con una manciata di grano". Come si vede, la pratica che è ancora osservato dai Maya-Quiché è di antichità rispettabile.) 
Scesero in una sola volta a fare la divinazione, e gettano le loro partite con il grano e il tzité. "Fate! Creatura!'', Ha detto una donna anziana e un uomo anziano. E questo vecchio era quello che il cast del sacco con Tzité, quello che si chiama Xpiyacoc. E la vecchia era l'indovino, il creatore, chiamato Chiracán Xmucané. 
All'inizio la divinazione, hanno detto: "Insieme, afferrare l'altra! Parlaci, che possiamo ascoltare". Hanno detto, "Say se è bene che il legno si mettessero insieme e che sia scolpita dal Creatore e il Creatore, e se questo [l'uomo di legno] è colui che deve nutrire e sostenere noi, quando c'è la luce quando è giorno! 
"Tu, mais, tu, tzité, tu, il destino, tu, creatura, stare insieme, prendere a vicenda", hanno detto al mais, al tzité, al destino, alla creatura. "Vieni a sacrificare qui, cuore del cielo, non punire Tepeu e Gucumatz!'' 
Poi hanno parlato e detto la verità: "La vostra figure di legno sono venuti fuori bene, essi parlano e parlano sulla terra." 
"Così sia", hanno risposto quando parlavano. 
E subito le cifre erano di legno. Sembravano uomini, ha parlato come gli uomini, e popolarono la superficie della terra. 
Esistevano e moltiplicati; avevano figlie, che avevano figli, queste figure in legno, ma essi non hanno un'anima, né le menti, non si ricordava il loro Creatore, il loro creatore, che camminava a quattro zampe, senza meta. 
Essi non si ricordava più il cuore del cielo e, pertanto, sono caduti in disgrazia. Era solo una prova, un tentativo di uomo. In un primo momento si parlava, ma il loro volto senza espressione, i loro piedi e le mani non ha avuto la forza, non avevano sangue, né sostanza, né umidità, né carne, le guance erano asciutti, i piedi e le mani erano asciutti, e la loro carne era giallo.
Pertanto, non hanno più il pensiero del loro Creatore, né il loro Creatore, né di chi li ha fatti e cura di loro. 
Questi furono i primi uomini che esistevano in gran numero sulla faccia della terra.

2 commenti:

Eri ha detto...

Ciao, sul mio blog c'è un premio per te, spero ti sia gradito!

Mariabei ha detto...

Molto interessante questo racconto. Io non so pressochè nulla sui maya...
Baciottini cara

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...